Politica monetaria europea

Ieri Mario Draghi ha tenuto il discorso sulla politica monetaria della BCE nei prossimi mesi. Tutti si aspettavano che il Quantitative Easing fosse prolungato, viste le deboli inflazione e crescita economica, e Mr. Draghi non ha deluso le aspettative: i tassi saranno mantenuti invariati almeno fino all’autunno. Fino ad ora, la trappola della liquidità ha assorbito ogni sforzo della BCE, e lo scenario probabilmente non cambierà quest’anno.

Elezioni in Olanda

Fra pochi giorni in Olanda si terranno le elezioni governative. Il Partito della Libertà, guidato da Geert Wilders, predica il bando dell’Islam e l’uscita dall’Unione Europea, per cui sarà un test importante per le istituzioni comunitarie. Gli ultimi sondaggi mostrano una sostanziale parità fra Wilders e Rutte, premier uscente e leader del partito liberal democratico. In ogni caso serviranno ampie coalizioni, visto il sistema elettorale proporzionale.

Brexit

Novità anche sul fronte inglese: il Parlamento di Westminster ha approvato una legge che indebolisce ulteriormente il governo May nei negoziati Brexit. Le due Camere dovranno infatti votare il risultato finale delle trattative fra l’esecutivo e la Commissione Europea. La May non potrà quindi avvalersi della royal prerogative che pretendeva di avere sulla Brexit e dovrà quindi consultare il Parlamento. È probabile che i negoziati procederanno ancora più lentamente di quanto previsto, senza quindi risolvere l’incertezza che domina sull’economia europea.