Niente di nuovo sul fronte monetario

Ieri si è tenuta la conferenza ufficiale della BCE. Mario Draghi ha confermato il tasso principale (MRO rate) allo 0% ed il tasso dei depositi al -0.4%, ancora in territorio negativo. Anche per questo trimestre, dunque, la politica monetaria della BCE rimane stabile. Draghi ha anche fatto sapere che il Consiglio Esecutivo da lui presieduto ha intenzione di mantenere tali tassi anche dopo la conclusione del Quantitative Easing, previsto per fine 2017.


Comey VS Trump

Ieri l’ex capo dell’FBI Mike Comey, licenziato pochi mesi fa da Trump dopo una bega sulle indagini dell’ex Segretario per la Sicurezza Nazionale Flynn, è stato interrogato sulle relazioni fra i segretari dell’attuale Presidente americano e la Russia. Comey, nonostante fosse visibilmente provato, ha risposto alle incalzanti domande della Corte, accusando Trump di aver mentito sulla questione delle ingerenze russe. Da questo caso ci saranno sicuramente sviluppi interessanti.


Elezioni in Francia

La Francia si avvicina alle legislative: il 17 ed il 18 giugno i cittadini francesi saranno chiamati alle urne per eleggere l’Assemblée Nationale. Sembra che anche stavolta Macron sia destinato alla vittoria: il suo partito, “La Republique en Marche”, viene dato al 30%, seguito dai Repubblicani al 20-21%, dal Front National al 18% e dalla sinistra di Mèlenchon al 13%. Questi risultati garantirebbero al neo-presidente la maggioranza assoluta dei seggi, grazie all’alleanza con centro-sinistra e centro-destra. Le conseguenze – in positivo – per l’Europa non tarderanno a vedersi.