Addio all’euro (ma conviene?)

di Ferruccio de Bortoli, dal Corriere della Sera (L’Economia) del 10 aprile 2017

Forze politiche sconsiderate continuano a sostenere l’uscita dall’euro, attratte dai benefici di una presunta sovranità monetaria. Ma al solo annuncio, l’Italia sarebbe travolta dalla speculazione internazionale e abbandonata dai partner europei

http://www.corriere.it/economia/leconomia/17_aprile_10/i-veri-conti-addio-all-euro-de-bortoli-f2e2ebb4-1de2-11e7-a3e5-56b4898b2bcd.shtml


Il riequilibrio utile all’Europa

di Maurizio Ferrera, dal Corriere della Sera del 12 aprile 2017

Negli ultimi anni, si è eroso quel poco di identità comune costruito con molta fatica e si è accentuato il divario fra Nord e Sud. Per rilanciare l’integrazione, le élite devono riscoprire la solidarietà come valore fondante e stipulare un patto politico – culturale serio, prima ancora di pensare ai Trattati

http://www.corriere.it/opinioni/17_aprile_12/ser-v-nuovo-equilibrio-dacb28c4-1ee7-11e7-a4c9-e9dd4941c19e.sh


Macron o Le Pen? No, la rivoluzione francese si chiama grande coalizione

di Massimo Nava, da Linkiesta del l’11 aprile 2017

La partita per le presidenziali francesi per la prima volta sembra ristretta a due leader estranei al gioco politico tradizionale, come Marine Le Pen ed Emmanuel Macron. Se vincesse, Macron dovrebbe fare i conti con una maggioranza politica di centro destra e formare una grande coalizione alla tedesca.

http://www.linkiesta.it/it/article/2017/04/11/macron-o-le-pen-no-la-rivoluzione-francese-si-chiama-grande-coalizione/33839/