Can Europe be saved?

Economist, 25 marzo 2017

L’Europa a più velocità è uno schema rigido, che presuppone una integrazione progressiva di tutti i Paesi nei settori di importanza strategica, mentre serve un sistema più flessibile che accolga anche chi è disponibile ad una integrazione parziale. Il Regno Unito potrebbe non accettare la libera circolazione delle persone, ma aderire ad una integrazione per la difesa e la politica estera

http://www.economist.com/news/leaders/21719462-if-it-survive-european-union-must-become-lot-more-flexible-can-europe-be-saved


Dalla Brexit alla Scoxit: la Scozia approva referendum bis per l’indipendenza dal Regno Unito. No di Londra

di Enrico Franceschini, da La Repubblica del 28 marzo 2017

La proposta del referendum separatista è stata approvata a maggioranza dal Parlamento scozzese alla vigilia della lettera di Theresa May, che ha dato avvio alle procedure per l’uscita del Regno Unito dall’ Ue. Si profila un lungo braccio di ferro politico e costituzionale fra Londra ed Edimburgo

http://www.repubblica.it/esteri/2017/03/28/news/brexit_la_scozia_chiede_referendum_bis_su_indipendenza-161645435/


Bond sovrani per l’area euro

di Federico Fubini, dal Corriere della Sera del 29 marzo 2017

E’ tecnicamente pronta la proposta di emettere Sbs (Sovereign backed securities), bond affini agli eurobond e con le medesime funzioni: offrire uno strumento sicuro di dimensione globale e permettere alle banche di investire su di esso senza concentrarsi troppo sui titoli dei singoli Paesi.

http://www.corriere.it/economia/17_marzo_29/bond-sovrani-l-area-dell-euro-cosi-rafforzeremo-banche-66a88b82-13f0-11e7-a7c3-077037ca4143.shtml